presepe_monterosso

Il Presepe Vivente di Monterosso Almo

XXXIII  Edizione del Presepe vivente a Monterosso Almo

Nei giorni 26 – 30 dicembre 2017 e 1- 5 – 6 gennaio 2018, per le viuzze dell’ antico quartiere matrice si rinnova la magia del presepe vivente ambientato nel dedalo di viuzze che tornano a brulicare di vita, di luce e di atmosfere di un tempo.

Mestieri ormai scomparsi ritornano a nuova vita, U curdari, u fìrraru, u cirnituri, a lavannara, u scarparu, e tante altre figure, ritornano protagonisti e si ripropongono alle nuove generazioni che stanno dimenticando anche il dialetto e la ricchezza di storia e di tradizioni.

Appena entrati nel percorso si è subito coinvolti dall’atmosfera natalizia. Inizia il viaggio etno-antropologico nel passato che ci appartiene. Ecco la taverna dove riscaldati dal vino, al suono del mandolino e della fisarmonica, si canta allegramente; la bottega dello scalpellino che con sapienza artigiana plasma la dura pietra, non si possono non ascoltare le comarì, con il loro vastissimo repertorio di modi di dire e di pettegolezzi aggiornati all’ultimo minuto. Si resta incantati davanti alla scena della famiglia, quadretto della vita domestica che fu, o davanti alle massaie che impastano il pane.

Il suono delle cornamuse avverte che la grotta è vicina e tante altre scene molto belle e incantevoli. E’ certo questo il capolavoro del presepe. Come d’incanto ecco i Magi, l’asinello, il bue, Maria, Giuseppe e il Bambinello che ogni anno ci chiede di essere accolto nella grotta del nostro cuore e della nostra vita.

 

Tavano Salvatore