WhatsApp Image 2019-11-20 at 15.12.20

La nostra scuola, amica unicef, ricorda il trentennale della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia

Il nostro istituto, che si fregia del titolo di scuola amica Unicef, con una serie di attività, coordinate dalla docente Nella Santoro, ha approfondito con gli studenti  la conoscenza della  Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, e di cui ricorre il trentennale. Essa esprime un consenso su quali sono gli obblighi degli Stati e della comunità internazionale nei confronti dell’infanzia.

Tutti i paesi del mondo (ad oggi aderiscono alla Convenzione 194 Stati), ad eccezione degli Stati Uniti, hanno ratificato questa Convenzione. La Convenzione è stata ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176. L’ultimo paese ad aver ratificato la convenzione è stato la Somalia.

La Convenzione è uno strumento giuridico e un riferimento a ogni sforzo compiuto in cinquant’anni di difesa dei diritti dei bambini; è composta da 54 articoli.

La creazione della Convenzione è ricordata ogni anno, il 20 novembre

con la commemorazione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Alla scuola dell’Infanzia ed alla scuola Primaria gli alunni con la guida delle loro maestre hanno svolto varie attività con la produzione di elaborati grafici.

Alla scuola Media, i docenti di Lettere hanno letto alcuni articoli della Convenzione, visto dei video sul contesto di riferimento e moderato un dibattito tra gli studenti.  Il Comitato Provinciale per
l’UNICEF di Ragusa, per l’occasione, ha organizzato una manifestazione che si è svolta presso il Palazzo
Spadaro di Scicli dove quattro nostri studenti, insieme ad altri studenti di scuole della provincia si sono misurati in una estemporanea di pittura, finalizzata all’interpretazione, libera e creativa, di un diritto dei bambini e degli adolescenti. La piccola opera è stata realizzata con la tecnica pittorica della tempera su tela. A guidare gli studenti nella composizione dei lavori sono stati alcuni artisti d’ eccezione della pittura siciliana contemporanea. I lavori
degli studenti saranno esposti in una mostra dal titolo “ Il colore fanciullo dei diritti “che sarà allestita in un
ambiente di Palazzo Spadaro.