g

Da Giotto a De Chirico : in mostra a Catania

“La caccia ai quadri non ha regole, non ha obiettivi, non ha approdi, è imprevedibile. Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative”.
Così Vittorio Sgarbi, che si è occupato della cura della mostra, descrive il mistero del collezionismo: “l’interesse per ciò che non c’è”.
Ecco così nascere il progetto “I Tesori nascosti. Da Giotto a De Chirico” che dal 26 ottobre 2017 fino a maggio 2018 sarà in mostra al Museo Civico del Castello Ursino a Catania.
Nella città etnea sono stati esposti oltre 150 capolavori dell’arte italiana tra cui opere di Giotto, Caravaggio, Guttuso e De Chirico.  Obiettivo della mostra è quello di ripercorrere la storia dell’arte italiana dal Medioevo al Novecento, esponendo, in un’unica mostra, il Tesoro d’Italia “nascosto e protetto” nelle più importanti raccolte private italiane.  Per un arco di tempo di sette secoli, si parte da Giotto, l’artista che nel ‘300 rinnovò il modo di dipingere, per arrivare a Giorgio de Chirico, che affascinato dell’arte antica, è statp il principale esponente della corrente pittorica definita “pittura metafisica”. Per De Chirico la pittura era il mezzo principe per scoprire gli aspetti più misteriosi della realtà.
Osservando queste opere,  i visitatori osservano l’evoluzione degli stili, delle correnti e degli sviluppi fondamentali della storia dell’arte italiana. A ciò si aggiunge: un’ampia panoramica sui temi affrontati dagli artisti, da quello sacro alle raffigurazioni allegoriche e mitologiche; e una vasta rassegna delle  tipologie di pittura, in particolare, dal genere del ritratto a quelli del paesaggio e della natura morta, quest’ultima tipica di Caravaggio.
Tra le opere più celebri esposte in questa mostra, possiamo citare: La “Madonna” di Giotto e due teste di donna marmoree, prime sculture “italiane” attribuite ad un maestro della metà del Duecento,che aprono la straordinaria galleria; poi la “Maddalena addolorata” di Caravaggio, “Il ritorno del figliol prodigo” di Mattia Preti“,“I Bagni misteriosi” di Giorgio de Chirico.
Per chiunque volesse visitarla, la mostra sarà aperta dal lunedì a venerdì dalle ore 09:00 alle ore 19:00, mentre sabato e domenica dalle ore 9.00 alle ore 21.00.