DSC_0254

Giornate F.a.i. : Gli studenti del Capuana apprendisti ciceroni per L’ipogeo di Calaforno.

Gli studenti delle terze classi della scuola media di Monterosso e Giarratana dell’I.C. “Luigi Capuana”, diretto dal dirigente Claudio Linguanti, aderiscono al progetto Apprendisti Ciceroni, un progetto di formazione a cura del Fondo per L’ambiente Italiano, cresciuto negli anni fino ad arrivare a coinvolgere oltre 35.000 studenti delle scuole di ogni ordine e grado.

I ragazzi guidati dai docenti, Arrabbito,Caruso,Castello, Corallo, Schembari, vivranno un’esperienza di cittadinanza attiva: un’occasione di apprendimento che si sviluppa in classe e sul territorio, con momenti di ricerca e di esplorazione dentro e fuori la scuola.

Le finalità del progetto sono quelle di sensibilizzare i giovani alla “presa in carico” del patrimonio culturale, storico e artistico, ampliare la consapevolezza intorno alle tematiche legate alla gestione di un Bene d’Arte e integrare conoscenze teoriche con una esperienza pratica altamente formativa.

Su proposta del Sindaco di Giarratana dott. Bartolo Giaquinta e grazie alla collaborazione della Delegazione FAI di Ragusa  e dei docenti, gli studenti avranno l’occasione di studiare un bene d’arte o natura del loro territorio, come L’ipogeo di Contrada Calaforno (Monterosso-Giarratana) e di fare da Ciceroni illustrandolo a un pubblico di adulti o di coetanei, sentendosi così direttamente coinvolti nella vita sociale, culturale ed economica della comunità e diventando esempio per altri giovani in uno scambio educativo tra pari.

L’ipogeo è un edificio scavato nella roccia, realizzato nel corso dell’ Età del Rame (III millennio a. C.) dalle comunità stanziate nell’area oggi nota come “ Calaforno ” e che rappresenta uno dei monumenti del genere più grandi e significativi della preistoria siciliana. Esso è costituito da un complesso di trentacinque camere circolari.

L’appuntamento è per il 24 e 25 marzo dalle ore 9.00 alle ore 13.00 presso il sito di c.da Calaforno.

Un bene di grande rilevanza storica che è stato reso fruibile grazie alla Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Ragusa, Azienda Foreste Demaniali di Ragusa, Volontari Protezione Civile Gruppo Alfa Chiaramonte- Giarratana, Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Comunità Montana (Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo).